Conferenza stampa 28 giugno 2012

Trieste, 28 giugno 2012

Per un sistema sanitario equo, universale e solidale ma anche efficiente e di qualità.
La sanità non ha bisogno di tagli.

La spesa italiana per la salute resta tra le più basse tra i Paesi europei con noi confrontabili (Germania, Francia, Gran Bretagna).
Ha bisogno di essere ben governata e ben gestita in un quadro di finanziamenti certi e compatibili con i bisogni reali di assistenza dei cittadini.
Premesso che punto cardinale del SSN/SSR è quello di perseguire obiettivi uniformi e appropriati di salute a favore di tutti i cittadini della regione Friuli Venezia Giulia, nel rispetto dei principi di solidarietà e universalità previsti dalla Costituzione, va sottolineato come nel corso degli ultimi anni si sia osservato un manifesto e progressivo cambiamento dei bisogni di salute della popolazione del Friuli Venezia Giulia, di cui la Medicina Generale è testimone e per il quale oggi esprime un disagio che non può più essere sottaciuto.
Se il ricorso all’Ospedale, quale risposta a un bisogno correlato a un problema di salute acuto ...

Continua ….

Regione, c'è l'accordo. Ma nessun taglio alle code

Regione c'è l'accordo. Ma nessun taglio aIIe code.

PACE FATTA tra medici di medicina generale e Regione. Dopo tre anni di attesa, e dopo la battaglia culminata nella mobilitazione dei camici bianchi la scorsa estate, l'accordo per il rinnovo del contratto integrativo è fatto. “Si tratta solo di un primo passo - precisa Rosario Magazzù, della Fimmg, il sindacato maggiormente rappresentativo dei medici di famiglia -, è stata sottoscritta la parte normativa”. Ma tanto basta ...
Continua ….
La FIMMG (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale), rappresenta la principale organizzazione sindacale di categoria. Ad essa sono iscritti oltre il 50% dei circa 59.000 medici di medicina generale italiani. E' presente su tutto il territorio nazionale con un'organizzazione centrale che ha sede a Roma ed è articolata in sezioni regionali e provinciali, fornendo una presenza capillare e significativa in tutte la realtà sanitarie del nostro paese. Le sezioni provinciale a loro volta rendono attuativa in modo specifico questa presenza con l'elezione di delegati nelle singole Aziende Sanitarie Locali sia a livello aziendale propriamente detto che distrettuale.